Il sito web aziendale va gestito in continuazione durante l’intera vita dell’azienda, deve rispecchiare la vision e la mission definita in partenza e deve, in modo chiaro, illustrare i prodotti ed i servizi che la tua azienda offre.

Ovviamente deve essere sviluppato in modo da recuperare contatti e non deve essere una vetrina di passaggio.

Se la strategia ed il metodo con il quale si crea un sito web aziendale sono di primaria importanza anche il modo e la frequenza con cui viene aggiornato è fondamentale.

Se pensi che una volta messo online il lavoro sia terminato ti sbagli di grosso, chi ti dice il contrario ha il solo obiettivo di farti firmare la lettera di fine lavoro ed incassare il suo assegno per poi lasciarti allo sbando, senza una guida e senza degli obiettivi prefissati da raggiungere.

Una volta online il tuo sito internet aziendale va gestito in base al piano di attività che è stato stilato durante la stesura della strategia di marketing iniziale.

Queste attività servono per raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissato, raggiungere gli obiettivi significa convertire i visitatori in contatti caldi pronti per acquistare i tuoi servizi o prodotti.

Quali aspetti gestire del sito web aziendale

Gli aspetti che devi gestire dopo che il tuo sito web aziendale è online devono essere rilevanti per aumentare il numero di potenziali clienti che ti contattano.

Solitamente i prodotti o servizi della tua azienda non variano di mese in mese, quindi se correttamente studiati nella fase di analisi, non saranno più modificati almeno che la tua azienda vari i servizi o prodotti offerti.

Stesso discorso per le pagine istituzionali del tuo sito, non penso che tu cambi sede ogni settimana o vari la tua vision e mission aziendale con frequenza.

Se questo accade non hai le idee molto chiare su quello che stai facendo.

 

Gli aspetti che devi gestire sono concentrati nella creazione e supervisione dei contenuti che andrai a scrivere sotto forma di risorse o blog aziendale per migliorare il tuo posizionamento nelle parole chiavi rilevanti emerse durante la stesura del piano e strategia di marketing.

 

Cosa vuol dire tutto questo?

Vuol dire che devi assolutamente guadagnare un vantaggio competitivo in termini di posizionamento nei motori di ricerca rispetto alla concorrenza.

Ti faccio un esempio, se la tua azienda vende “estintori” ed il tuo target sono tutte le aziende che devono munirsi di estintori in Italia ed hanno già un fornitore in essere, il sito dovrà posizionamento nei motori di ricerca per le parole chiavi rilevanti.

Queste parole chiavi saranno incentrate attorno ad “estintori per aziende” e raggrupperanno tutti i termini che derivano da esse, comprese parole chiavi legate alle normative vigenti, ecc…

 

L’analisi che porta alla lista delle parole chiavi è fondamentale per carpire la domanda consapevole degli utenti e portare traffico in-target verso il tuo sito web aziendale.

 

Ricordati che stiamo parlando solamente delle operazioni da svolgere sul tuo sito internet aziendale, non stiamo parlando di campagne pubblicitarie a pagamento o dei tuoi canali social, sarebbe impossibile trattare tutto nello stesso articolo.

Come gestire il sito web aziendale

Gestione sito web aziendale

Durante la gestione del sito web aziendale solo alcune delle fasi del processo sono demandate a te, ti faccio una semplice domanda per arrivare al nocciolo della questione:

 

“Se tu dovessi scrivere un contenuto per il tuo sito da che parte cominceresti?”

 

Immagino che sia difficile per te trovare la strada corretta al primo tentativo, anche perchè per ora non sai come misurare l’efficacia dell’azione che vai a fare.

Il tutto è abbastanza nebuloso e non si possono apprendere da un giorno all’altro le tecniche corrette di scrittura, le regole per ottimizzare il tuo contenuto in modo che venga indicizzato al meglio dai motori di ricerca e come misurare se l’azione ha portato il risultato atteso.

La soluzione è, almeno nella fase iniziale,  interfacciare un membro del nostro team con il soggetto che si occuperà del sito in azienda in modo da applicare le prime fasi della strategia assieme per passargli i concetti base e renderlo autonomo in queste attività.

Si hai capito bene, qualcuno all’interno del tuo team dovrà formarsi per imparare a gestire il sito web aziendale.

Diamo per scontato che questa figura sappia usare un qualsiasi programma di videoscrittura ed abbia dimestichezza con i servizi di email.

Operativamente si tratta di seguire le nostre indicazione e le nostre road map per creare i nuovi contenuti, al resto provvederà il nostro team.

Chi deve gestire il sito internet aziendale

Come hai capito serve una figura che si occupi attivamente del sito internet aziendale e che sia disposta a formarsi in modo che la tua azienda possa acquisire nuove competenze nel settore del web marketing.

Non stiamo parlando di una figura full-time ma di alcune ore a settimana, se pretendi di demandare tutto ad un’azienda web esterna senza essere coinvolto minimamente in queste operazioni lascia perdere. Perchè?

L’azienda è tua e devi avere il controllo di quello che stai facendo online con continuità, un aggiornamento ogni tre mesi come fai con il tuo commercialista non è sufficiente, nemmeno lontanamente.

Soprattutto nella fase iniziale ti devi applicare e non sarà semplice perchè si tratta di cambiare il tuo modo di operare online.

Stai pure certo che se ci sincronizzeremo sulle operazioni da svolgere e seguiremo la road map da noi stilata i risultati che ci siamo prefissati nella fase di analisi saranno raggiunti.

 

Cosa succede se il tuo sito web aziendale non raggiunge gli obiettivi?

Te lo dico nel modo più chiaro possibile: “Sarai totalemte rimborsato!”.

 

Non è nel nostro interesse e non è per noi eticamente corretto farci pagare per un prodotto che non funziona, vogliamo la tua più totale soddisfazione altrimenti è giusto che il tuo investimento sia risarcito.

Ti sembra poco?