Anche questo 2012 è giunto alla conclusione per NERDYDOG.

Abbiamo affrontato tante sfide ed è stato ricco di emozioni, non sempre positive ma sempre costruttive.

Facendo tutto da soli gli ostacoli sono molti e non sempre si ha il giusto slancio per superarli, ma con forza e determinazione si ottiene sempre il meglio.

Come diciamo a tutti, quando ti imbatti in un progetto o “resti a galla” o “affoghi” e purtroppo non ci sono vie di mezzo.

Con questo prologo sembra che per noi sia già giunta la fine del mondo invece possiamo affermare che ce la siamo cavata, certo si può sempre migliorare, ma comunque abbiamo nuotato e siamo stati a galla senza che nessuno ci gettasse il salvagente.

Come siamo partiti

Ad inizio anno è nata NERDYDOG s.n.c., dopo qualche anno da freelancer abbiamo costituito una società.

Sapete meglio di noi che nel nostro amato stivale la burocrazia la fa da padrone e le nostre vecchie posizioni iva ci limitavano parecchio nelle transazioni fuori dall’Italia e poi provate voi a spiegare ai clienti cos’è la ritenuta d’acconto!?! Se fate consulenza a 4 aziende, e sono sempre quelle, ci si può convivere ma se si iniziano a fare, ad esempio, dei contratti annuali per servizi e si hanno 50 clienti diventa ingestibile.

A parte superare la bariera negativista dell’80% dei conoscenti che afferma:

  • Ma cosa fai?! Non sai che lo Stato ti mangia tutto in tasse
  • Ma resta dove sei intanto in questo Stato non si può fare niente
  • I giovani non hanno futuro
  • E se poi non c’è lavoro?
  • E se c’è lavoro e poi non ti pagano?

E credeteci potremmo continuare per ore a citare frasi fatte di persone che non hanno la benchè minima esperienza ma elargiscono consigli sulla base di quello che sentono dire in tv. (Per dirla tutta anche noi di esperienza non ne avevamo, ma proprio zero, ma ci sarebbe piaciuto farcela sulla nostra pelle questa esperienza.)

A parte questo scoglio psicologico abbiamo aperto la nostra bella società ed iniziato ad esercitare la nostra attività in garage ristrutturandolo in ufficio (Nel nostro caso lo startup doveva essere soft).

Ci sentiamo di dare i seguenti consigli in base alla nostra esperienza:

  • Cercate di capire inizialmente da soli come funziona il nostro sistema fiscale, non aspettate che qualche guru lo faccia per voi e annotate costi e varie scadenze di anticipi fiscali per gli affari vostri in base a quello che avete capito.
  • Trovate un buon consulente, fatevi fare una simulazione del vostro “lavoro”. Sicuramente ora che avete “studiato” avrete un sacco di domande, riversatele su di lui, se i vostri dubbi sono chiariti siete pronti per valutare se aprire o meno.
  • Non aspettate di trovare clienti dopo la costituzione societaria, dovete già avere contratti pronti da far firmare ed essere operativi per “codare”.
  • Se pensate di andare in giro in giacca e cravatta alla ricerca di clienti stile folletto… mmm… a nostro parere lasciate perdere.

Network di contatti

Spendiamo qualche riga sull’aspetto più importante e che avevamo lasciato per ultimo nella nostra personale scala delle attività da svolgere, cioè quello di crearsi un network di contatti valido.

Per network di contatti intendiamo un insieme di relazioni tra clienti ed altre agenzie per crescere assieme e far nascere business per tutti i soggetti del network.

Esistono molte strategie per farlo e quale scegliere dipende dagli skills che hanno le persone che compongono il vostro team. Prendete noi, non siamo molto predisposti all’area commerciale vecchia scuola, intendo appunto girare/ telefonare a caso nella speranza che qualcuno ti apra la porta o ti fissi un’appuntamento. Siamo dell’idea che sia il cliente che debba trovarci, in più parole SEO, SEM, SMM. Abbiamo investito tutto su questo ed ha pagato.

Cosa abbiamo fatto quest’anno

Un grafico parla più di molte parole. Quello qui sotto rappresenta le fette del nostro fatturato per ogni settore di competenza.

Grafico servizi NERDYDOG 2012

Conclusioni

Come potete ben vedere le nuove tecnologie e canali (Sviluppo di applicazioni in Rails e mobile) hanno la meglio.

Quindi quello che ci resta da dirvi è non fermatevi mai, non pensate di sapere ed aver imparato tutto… Ricordatevi che domani quello che ieri era nuovo ormai è già troppo vecchio.

Quando qualcuno vi dirà “Hai visto AngularJS? Hai visto che figata le piattaforme per il Local Business? Vai a forkare il mio repo!” e se non sapete di cosa stia parlando non restate con le mani in mano, anche se le cose da fare sono tante, buttateci un occhio. Conoscere è potere e se oggi non serve, chissà, magari domani servirà.

Investite sulla vostra persona in formazione e state al passo con i tempi!

Lascia il tuo commento